Un nuovo cucciolo, come comportarsi

Abbiamo appena preso il nostro nuovo cucciolo e lo stiamo portando a casa, vediamo quale dovrebbe essere l’approccio corretto per gestire il nostro nuovo ospite.

Articolo di Serena Fiorin

Se abbiamo già altri cani

Il primo incontro tra loro e un nuovo cucciolo di cane dovrebbe avvenire fuori, in un luogo neutro per tutti.  Aspettiamo con il cagnolino fuori e chiediamo a qualcuno di portare gli altri cani da noi, camminiamo assieme con tutti i cani al guinzaglio uno di fianco all’altro. E’ meglio non far incontrare i cani di fronte, perché possono sentirsi minacciati, noi vogliamo che si annusino in tranquillità e si conoscano. Camminiamo assieme verso casa, arrivati al cancello facciamo entrare prima i cani già abituati e poi l’altro; questo darà al nostro cucciolo il coraggio di entrare con tranquillità e gli fornirà le prime informazioni sulla gerarchia del suo nuovo branco. 

Quando siamo entrati in giardino togliamo il guinzaglio a tutti e lasciamo che si annusino. Nel caso gli adulti facciano mettere il cucciolo a pancia all’aria non abbiate paura, stanno imponendo la loro leadership. Quando il cucciolo lo fa autonomamente meglio ancora, si sta sottomettendo.

Se non abbiamo altri cani

Se non abbiamo altri cani arriviamo con il cucciolo in giardino e liberiamolo. Facciamolo annusare in giro e muovere un po’ da solo in modo che si abitui al nuovo ambiente. Lasciamogli fare i suoi bisogni, dopodiché portiamolo in casa. Nel caso ci siano delle scale da fare e il cucciolo ha pochi mesi è meglio non fargliele fare troppe volte al giorno e prenderlo in braccio.

Entriamo finalmente in casa, che abbiamo precedentemente sistemato a prova di cucciolo, facciamolo annusare in giro, lasciamolo muovere in libertà ma non perdiamolo mai d’occhio per le prime ore. Osserviamo dove preferisce andare e se cerca di mordere qualcosa di sbagliato richiamiamo la sua attenzione, senza sgridarlo. Facciamolo giocare un po’ con qualche gioco, in modo che impari a morsicare i giochi e non sedie e tavoli.

cucciolo cane

Programmiamo la giornata

Dovremmo programmare la giornata del cucciolo in modo che le attività che vogliamo fargli svolgere, (mangiare e fare i suoi bisogni) vengano fatte sempre alla stessa ora. Diamogli da mangiare sempre nello stesso posto e lasciamogli solo un tempo limitato per finire, non deve abituarsi ad avere a disposizione la ciotola per tutto il giorno. Siamo noi che dobbiamo gestire le risorse.

Se riusciamo portiamolo fuori ogni due ore, che sia giorno o notte, in modo che impari dove fare i suoi bisogni; restiamo fuori finché non fa i suoi bisogni, a questo punto complimentiamoci con lui con qualche carezza e parola. Se sporca in casa non sgridiamolo, chiudiamolo con tranquillità in un’altra stanza e puliamo dove ha sporcato, poi lo possiamo far tornare. Non pulire con l’ammoniaca, ha una composizione simile all’urina e, sentendone l’odore, il cucciolo è probabile che rifaccia lì i suoi bisogni; questo perché a lui sembrerà che sia stato un altro cane a sporcare e quindi cercherà di coprire quell’odore con il suo.

È sempre meglio portarlo giù subito dopo mangiato e dopo aver giocato con lui. Lo stomaco pieno comprime la vescica e può dare lo stimolo al cucciolo, mentre il gioco lo agita e rende tutti gli stimoli meno controllati. Dopo qualche giorno, possiamo allungare l’attesa, finché riesce a dormire una notte intera senza sporcare in casa.

Ogni cucciolo è diverso, può essere che si abitui subito al nuovo ambiente e che di notte dorma tranquillo o può impiegare qualche giorno ad ambientarsi e a dormire tranquillo senza uggiolare, non dobbiamo preoccuparci, è normale sia una situazione che l’altra, dobbiamo solo avere pazienza e lasciare al cucciolo il suo tempo.

Quando cominciare con l’addestramento

L’addestramento di un cucciolo di cane può cominciare fin da i primi giorni, con “addestramento” di un cucciolo non intendiamo certo l’addestramento impegnativo di un cane adulto ma semplicemente dei primi step di socializzazione, l’abitudine ad associare un premio ad un comportamento corretto e tutta una serie di piccole cose che il nostro nuovo cane potrà imparare nelle prime settimane di vita. L’importante è rivolgersi fin da subito ad un addestratore cinofilo preparato e competente.

Cerchiamo di non sgridarlo nelle prime settimane, a volte risulterà difficile, ma il nostro sforzo ci ripagherà. Rilassiamoci, andrà tutto bene.

Articolo di Serena Fiorin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
gioco e motivazioni di razza
Read More

Il gioco e le motivazioni di razza

Il gioco e le motivazioni di razza: vi siete mai chiesti qual è il gioco che gratifica di più il vostro cane e che soddisfa le sue inclinazioni naturali? Esistono dei giochi che i cani non vedono l’ora di iniziare perché in accordo con quello che desiderano fare naturalmente; i cani hanno veri e propri desideri che attendono di essere tradotti in azioni vere e proprie.
Read More
Read More

La prima lezione di addestramento con il mio cane

Certo questo è un argomento che si può affrontare alla prima lezione e l’educatore potrà fare degli esempi e dare un metodo ma quello che è importante capire è che è una nostra esigenza e non del cane. La condotta a guinzaglio, pur rientrando nelle attività più normali di qualunque proprietario, non è certo una delle esigenze primarie del cane e soprattutto va gestita per gradi per non creare traumi inutili. Bisognerà quindi dare priorità ad altre attività quali per esempio il gioco che ci aiuta a relazionarci con il nostro amico a quattro zampe. Partendo da presupposti relazionali qualunque attività di educazione diventerà più piacevole.
Read More
Read More

Perché dovrei avere un cane addestrato?

Sostanzialmente, risulta fondamentale per ogni cane essere “educato”, cioè avere ben chiari quali siano i comportamenti leciti e non. Nel cane, tutto ciò lo si ottiene con quello che viene riassunto in “gestione delle risorse” come il cibo, il territorio e la socializzazione. Tramite l’addestramento il cane acquisirà conoscenze, abilità e capacità.
Read More